Tutto il peso di un JRPG come Xenoblade Chronicles X

Il produttore del gioco rivela la difficoltà di far ‘entrare’ e ‘girare’ senza problemi il nuovo Xenoblade in un solo disco Wii U

scritto da
Vota questo articolo
(3 Voti)
WII U
Xenoblade Chronicles X, uno dei titoli più attesi su Wii U Xenoblade Chronicles X, uno dei titoli più attesi su Wii U

Xenoblade Chronicles X - in quest'ultimo periodo - è forse uno dei titoli più citati e discussi dalla folta schiera di appassionati di giochi di ruolo e più in generale, dalle numerose community del settore videoludico. Senza ombra di dubbio è uno di quei titoli che ha stupito maggiormente i videogiocatori sia dal punto di vista tecnico e artistico, che da quello del gameplay, dove gli amanti di Anime e Mech hanno già posato il proprio interesse.

Ci sono però altri fattori da discutere su questo titolo firmato Monolith Software; no, non stiamo parlando solamente dell’enorme mappa svelata alcuni giorni fa, e nemmeno delle classi di personaggi o caratteristiche che questi hanno da offrire. Bensì di dati puramente tecnici, capaci di farci capire il vero impegno messo dagli sviluppatori, per regalare questa perla preannunciata a tutti noi.

Sono circa 25 i GigaByte di dati che compongono Xenoblade Chronicles X. Si, un intero disco Wii U per la precisione. Il team di sviluppo rivela l’idea iniziale di suddividerlo in più dischi, un’idea accantonata solo grazie alla continua ottimizzazione e al supporto Nintendo, il quale si è rivelato fondamentale per offrire caricamenti in tempo reale della corposa mappa di gioco.

"Xenoblade Chronicles X utilizza quasi l'intera capacità di un disco Wii U. Davvero, ci si adatta a malapena (eravamo arrivati al punto di preoccuparci perchè un disco difficilmente sarebbe bastato). Sarete in grado di giocare comodamente mentre [la console] carica continuamente la vasta mappa ( i programmatori di Monolith hanno lavorato sodo per rendere questo possibile), ma Nintendo ci ha aiutato ad attuare un meccanismo in grado di migliorarlo [il caricamento] ancora di più. Credo che riveleremo ulteriori dettagli sul sito ufficiale [in futuro], ma per conto degli sviluppatori, vorrei raccomandare quelli di voi che hanno intenzione di acquistare la versione retail del gioco, capace di utilizzare questa caratteristica."

Si è così espresso Shingo Kawabata, Produttore di Xenoblade Chronicles X, tramite l'account Twitter. Parole che lasciano pensare alla parziale installazione del gioco all’interno della memoria interna della console. Non è ovviamente escluso il supporto di un Hard Disk esterno o di una SD Card, in modo da agevolare il caricamento delle Texture in alta definizione; un cavillo da sciogliere di poco conto vista la qualità di questa produzione, presto supportata da informazioni maggiormente dettagliate anche sotto questo aspetto.

Federico D'Aco

'Old-School' è il termine che più lo rappresenta. Amante dei vecchi classici per console e computer, ha un debole per i titoli e le piattaforme targate Nintendo, alle quale non riesce proprio a dire di no. Qualcuno fra gli amici più stretti afferma di averlo visto possedere e giocare con console targate SEGA, Sony e Microsoft, ma le prove non sono ancora state pubblicate.