Microsoft spiega le motivazioni che hanno portato alla posticipazione di Scalebound

Il gioco non sarebbe stato capace di guadagnarsi uno spazio sufficientemente rivelante nel mezzo della line-up 2016

scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
XONE
Una line-up troppo "pressante" Una line-up troppo "pressante"

Nel corso della giornata odierna, il capo della divisione marketing di Xbox, Aaron Greenberg, ha partecipato ad una piccola intervista nei lidi di IGN attraverso la quale sono state rilasciate alcune spiegazioni riguardanti la triste decisione di posticipare l'uscita dell'attesissimo Scalebound ad un generico 2017. Greenberg ha infatti affermato che l'action game ad opera di Platinum Games non sarebbe stato in grado di ritagliarsi una spazio abbastanza rilevante all'interno di una line-up 2016 che attualmente, sull'ultima console di casa Microsoft, comprende già numerosi titoli di grande spessore quali Quantum Break, Crackdown 3, Gears of War 4, Sea of Thieves, Cuphead e ReCore. Inoltre, il nuovo tempo a disposizione permetterà al team di sviluppo di limare numerosi dettagli del gioco così da portare nei negozi un prodotto finale di grande qualità. Qui di seguito potete leggere quanto dichiarato da Aaron:

"Guardando alla line-up di quest'anno, a come procedono i lavori di Scalebound e alle aspirazioni di Platinum Games per il gioco, è chiaro che vogliamo dar loro il tempo e le risorse necessarie per far bene. Sul piano strategico, diamogli tempo di respirare. Assicuriamoci che il gioco abbia spazio sufficiente, e soprattutto che possa essere un grande titolo."

Ricordiamo a tutti i nostri lettori che Scalebound sarà disponibile nel corso del 2017 in esclusiva su Xbox One.

Luca Di Carlo

Sono un grande amante di videogiochi, cartoni animati, fumetti e dolci che preferisce passare la giornata a videogiocare piuttosto che a studiare per i corsi d'esame all'università; essendo anche un grande casanova, ho scoperto il mio primo vero amore dopo aver attaccato la spina della mia Playstation 1 alla corrente.