La versione 'classica' di Dying Light non sarà più in vendita dal 9 febbraio

Gli sviluppatori hanno deciso di fare spazio in vista del lancio di un'Enchanced Edition

scritto da
Vota questo articolo
(1 Vota)
PC XONE
Un fps con parkour, zombies ed elementi gdr... Cosa si può volere di più? Un fps con parkour, zombies ed elementi gdr... Cosa si può volere di più?

Dying Light è stato un titolo che è riuscito ad attirare una grande attenzione nel 2015, con il suo stile ibrido ma allo stesso tempo che non sconvolgeva i canoni dei generi da cui attingeva. È passato più di un anno dal suo rilascio su PC, PS4 ed Xbox One (avvenuto il 27 gennaio 2015 in America, il giorno dopo in Europa ed Australia), ma quelli della Techland non hanno smesso di supportarlo con aggiornamenti e DLC.

L'ultima novità sarà una versione rimasterizzata, intitolata Dying Light: The Following Enchanced Edition. Quest'ultima includerà nuovi veicoli, armi, modalità, mappe e cambierà il metodo con il quale verrà narrata la storia. Potremo provare queste novità il prossimo 12 febbraio, mentre a partire dal 9 dello stesso mese la versione 'classica' del titolo sparirà da qualsiasi store digitale.

Ovviamente anche le controparti fisiche smetteranno di essere prodotte per favorire il lancio della nuova versione, ma ci vorrà un po' di tempo affinché spariscano del tutto.

Beh, non ci resta che aspettare trepidanti questi dieci giorni che ci separano dalla Enchanced Edition. Gli unici dubbi sono: ne varrà la pena? Cambierà così tanto dalla versione 'classica'? Ai posteri l'ardua sentenza.

Daniele Ricciardi

Salve, io sono Daniele, ma potete chiamarmi -DIX. Tra le mie passioni spiccano libri, musica, film e, come avrete intuito, i videogiochi, e cerco di comunicarle al mondo insieme ad i miei pensieri ed idee facendo video su Youtube e scrivendo articoli