Nessun bonus per chi ha già acquistato Xbox One

Microsoft non seguirà la strada intrapresa da Nintendo con il "Programma Fedeltà"

scritto da
Vota questo articolo
(2 Voti)
XONE
Kinect è ancora un punto fermo per Microsoft Kinect è ancora un punto fermo per Microsoft

La giornata di ieri ha portato alla luce il nuovo bundle di Xbox One nel quale non sarà presente Kinect, favorendo una riduzione del prezzo di vendita al pubblico. Questa nuova strategia di mercato ha inizialmente lasciato pensare ad un bonus per coloro che hanno già acquistato la console a prezzo pieno, un po' come accaduto con il "Programma Fedeltà" intrapreso da Nintendo nel post-lancio di Nintendo 3DS, avvantaggiando i possessori delle prime console con il download gratuito di una serie di giochi retrò.

Microsoft però non sembra vederla così, pensando a Kinect come un vero valore aggiunto ai videogames, scegliendo di conseguenza di non offrire nessun bonus a chi ha già acquistato Xbox One a prezzo pieno.

"Kinect rimane parte integrante della nostra visione. Xbox One è meglio con Kinect." ha detto Yusuf Mehdi, chief marketing di Microsoft, continuando: "Com'è possibile immaginare, abbiamo forti relazioni con i publisher e vediamo il problema con lo stesso punto di vista. Amiamo Kinect, amiamo questa strada e le sue possibilità. Allo stesso tempo vogliamo anche allargare la base di utenza. Qualche gioco richiede il pieno utilizzo di Kinect, altri migliorano decisamente se utilizzati con Kinect, ma possono funzionare anche senza. In ogni caso, questa è la soluzione giusta".

Al momento le vendite di Xbox One non sembrano preoccupanti, ma questa mossa è sicuramente pensata per incentivare l'acquisto di Xbox One e portarla a competere direttamente con PlayStation 4 di Sony, la quale grazie al suo prezzo e alle prestazioni leggermente migliori, si sta godendo il primato di vendite nel mercato.

In Italia, Microsoft intende commercializzare la nuova Xbox One senza Kinect a partire dal 9 giugno 2014; il prezzo sarà di 399,00 Euro.

Federico D'Aco

'Old-School' è il termine che più lo rappresenta. Amante dei vecchi classici per console e computer, ha un debole per i titoli e le piattaforme targate Nintendo, alle quale non riesce proprio a dire di no. Qualcuno fra gli amici più stretti afferma di averlo visto possedere e giocare con console targate SEGA, Sony e Microsoft, ma le prove non sono ancora state pubblicate.