The Sly Trilogy - Recensione

Tre epici giochi in uno! Questa è la collection di Sly Cooper, scoprite se il procione è imperdibile o...

scritto da
Vota questo articolo
(4 Voti)
PS VITA
Il ritorno di Sly Cooper! Il ritorno di Sly Cooper!

Sly Cooper è una delle proprietà intellettuali più rinomate del marchio PlayStation. I primi tre capitoli del brand uscirono per PlayStation 2 e furono realizzati da Sucker Punch, il team che è dietro lo sviluppo di un'altra serie esclusiva Sony, ci riferiamo a Infamous. Sony Computer Entertainment ha voluto omaggiare Sly Cooper, facendo realizzare da Sanzaru Games una trasposizione dei primi tre episodi per la console portatile PS Vita. Scopriamo insieme la qualità di questo adattamento.

Le origini del ladro procione

È ormai diventata una consuetudine quella di realizzare delle collection di titoli passati per le console attuali. Dopo l'arrivo nel 2011 della raccolta di Sly Cooper su PlayStation 3, Sony ha deciso di optare per una versione apposita dedicata a Playstation Vita.

The Sly Trilogy è sicuramente una collection che può fare gola ai nostalgici della serie, ma anche a coloro che – per un motivo o per un altro – non hanno giocato ai primi capitoli. La collezione comprende infatti Sly Raccoon, Sly 2: La banda dei ladri e Sly 3: L'onore dei ladri. Nel corso di queste avventure, vestite i panni del protagonista Sly Cooper, il discendente della famiglia dei ladri procioni. Nel primo capitolo insieme ai vostri compagni inseparabili, Bentley e Murray, dovete vendicare la sconfitta dei componenti della famiglia Cooper a danno del cosiddetto Quintetto Diabolico e recuperare così l'importantissimo libro Thievius Racconus.

The Sly Trilogy

In queste importanti pagine sono contenute le maggiori tecniche dei ladri antenati di Sly. Detto questo, il vostro compito sarà quello di sconfiggere i malfattori e riottenere così le pagine rubate. Queste, una volta trovate, danno la possibilità al giocatore di imparare nuove mosse e metterle in atto nel corso dell'avventura. Per quanto riguarda, invece, le trame degli altri due capitoli, decidiamo di sorvolare per lasciarvi il gusto di giocarle, sia nel caso in cui l'aveste già fatto o che siate nuovi a questa serie.

L'età del software non si sente

Nonostante l'uscita precedente dei tre capitoli, Sanzaru Games è riuscita ad ottimizzare al meglio le qualità del software, riuscendo a limare quelle imperfezioni e adattare il tutto alla risoluzione dello schermo OLED di PS Vita. Certamente è stato un lavoro portato a compimento con molti grattacapi, vista la natura dei titoli, destinati a una console fissa da casa come PlayStation 2. I tre titoli a cui ci troviamo di fronte non hanno subito un restyling troppo accentuato, questo grazie soprattutto al motore grafico dell'epoca che è riuscito a tenere il colpo subito dal passaggio alle nuove generazioni. Quello che possiamo dire è che tutti e tre i capitoli riescono a dare il meglio di loro, grazie ad una grafica sostanzialmente buona con alcuni dovuti accorgimenti per renderla all'altezza dell'hardware della portatile di Sony. Un lato estetico più che buono accompagnato da un gameplay assolutamente al passo con i tempi, ma con un'intelligenza artificiale dei nemici un po' deficitaria.

The Sly Trilogy

Alcuni problemi li abbiamo constatati nella gestione della telecamera che, a volte, risulta ballerina e poco controllabile, viste le dimensioni ridotte dello schermo. A fronte di queste poche imprecisioni, c'è da dire che la grafica si rivela tutto sommato gradevole e coloratissima. La giocabilità è davvero il punto forte del titolo. Per chi non lo avesse capito, i titoli di Sly Cooper sono realizzati con una grafica in tre dimensioni e sono caratterizzati da fasi platform e allo stesso tempo stealth. Sly, essendo un ladro, dovrà introdursi senza farsi individuare dai nemici. I comandi di gioco sono rimasti pressoché identici ai titoli originali, tranne per la mera introduzione del touch screen e del touch pad. Il primo vi permette di osservare l'ambiente di gioco circostante, mentre il secondo dà la possibilità di riposizionare la telecamera di gioco alle spalle di Sly. Il procione ladro può saltare con l'ausilio del tasto X, mentre con il pulsante cerchio può aggrapparsi a travi, scale e utilizzare il suo bastone come strumento per dondolarsi e raggiungere posizioni altrimenti irraggiungibili. Per attaccare, invece, si deve utilizzare il tasto quadrato. Trattandosi di un platform in terza persona con meccaniche stealth, è consigliato attaccare i propri nemici alle spalle piuttosto che direttamente, in quanto sono in grado di mettervi K.O con un solo colpo. Il gameplay riesce quindi a coinvolgere il giocatore, anche se i titoli risultano abbastanza datati nel tempo. La componente costituita dal sonoro e dal doppiaggio (completamente in italiano) risulta davvero originale ed efficiente, considerando il lavoro fatto ai tempi dal team originario di Seattle, Sucker Punch.

Il trailer PS Vita di The Sly Trilogy
Marino D'Angelo

Marino D'Angelo

Mi chiamo Marino e sono di Roma. Ovviamente sono un appassionato di videogiochi (sennò che ci sto a fare qui!? ) Mi piace leggere, scrivere e condividere le mie passioni con gli altri. Questa è una delle motivazioni che mi ha spinto a provare a diventare un redattore di questo settore. Più andavo avanti e più mi piaceva. Dopo varie esperienze, ho deciso di avviare il progetto KingdomGame.it, insieme ad altri ragazzi che condividono la mia stessa passione. I miei generi preferiti sono:
- TPS, FPS, Free roaming, Sportivi e strategici.

Commento finale:

È un ottimo ritorno quello di Sly Cooper. Quest'ultimo approda per la prima volta su PS Vita con i tre titoli usciti originariamente su PlayStation 2. Il lavoro realizzato ai tempi da Sucker Punch è stato riproposto ottimamente in salsa portatile dai ragazzi di Sanzaru Games. Questi ultimi hanno apportato i giusti accorgimenti tecnici, cercando di rendere la grafica dei titoli più pulita. Vi è stata l'aggiunta di qualche caratteristica della console portatile, come il mero utilizzo dello schermo touch screen e del track pad posteriore. Per il resto le meccaniche di gioco sono le medesime viste negli episodi originali, così come le musiche di accompagnamento e il doppiaggio in italiano. The Sly Trilogy può essere acquistata al modico prezzo di 30,99 euro e usufruisce della possibilità del cross-buy. Dunque, se avete già acquistato la versione PlayStation 3, potrete assicurarvi quella PlayStation Vita senza costi aggiuntivi e viceversa. Consigliamo la suddetta a coloro che hanno adorato e adorano tuttora la serie e a chi non l'hanno giocata per motivi di età o altro. Di certo The Sly Trilogy non mancherà di divertirvi per innumerevoli ore di gioco, grazie anche all'introduzione dei trofei PlayStation!

Pro:
  • Tre capitoli di Sly Cooper in tutto il loro splendore
  • Ottima trasposizione su PS Vita
  • Una collection decisamente longeva e divertente
  • Prezzo giusto e abbordabile
Contro:
  • Alcuni difetti grafici dell'originale permangono
  • Telecamera a volte ballerina e poco controllabile
  • Intelligenza artificiale dei nemici un po' datata per i tempi attuali
Voto Globale:
8.5/10