GTA Online: provato il multiplayer

Un multiplayer all'altezza della serie?

scritto da
Vota questo articolo
(4 Voti)
PS3 XBOX 360
Abbiamo provato GTA Online! Abbiamo provato GTA Online!

Poche settimane fa è uscito uno dei titoli più attesi di questo 2013. Stiamo parlando di Grand Theft Auto V, l’ultima fatica dei ragazzi della Rockstar (ne abbiamo ampiamente discusso nella nostra RECENSIONE.) Oggi siamo qui a parlarvi della componente online del titolo, che abbiamo provato a fondo ed in ogni sua parte. Questo che segue è il nostro speciale su GTA Online.

Messi da parte Micheal, Trevor e Franklin - i tre carismatici protagonisti dell’ultimo capitolo di GTA - ci siamo tuffati nel multiplayer, che ricordiamo è stato reso disponibile il primo ottobre. Prima di lanciarci nella Los Santos online dovremo creare il nostro personaggio. La creazione avverrà scegliendo i lineamenti dei nostri quattro nonni e dei nostri genitori. Subito dopo potremo scegliere la nostra acconciatura e le varie statistiche che avremo all’inizio dell’esperienza multiplayer. Il nostro arrivo a Los Santos sarà accompagnato da una sequenza filmata dove il nostro personaggio s’incontrerà con Lamar (conoscenza di chi ha giocato il comparto single player), che lo introdurrà in quello che lo aspetta nella metropoli. Una volta preso il controllo del nostro protagonista ci dovremo lanciare in una gara 1 vs 1 per i quartieri alti, gareggiando con Lamar fino al traguardo. La gara non è nient’altro che un trampolino di lancio per quello che sarà il tutorial del gioco che, una volta terminato, ci lascerà godere come meglio vorremo l’esperienza multigiocatore.

Quella che ci si presenta davanti è una Los Santos identica a quella che abbiamo avuto modo di percorrere – in lungo e in largo – nel comparto single player. Anche online avremo totale libertà di movimento tra i vari scenari. La mappa è disseminata di attività da compiere, da i classici Deathmatch alle missioni assegnate dai vari personaggi non giocanti. Le missioni saranno varie – dal recupero veicoli alle rapine - e potremo affrontarle da soli o in compagnia di qualche amico. Completando le varie missioni si acquisiscono punti esperienza per salire di grado e denaro. Scalando i livelli si sbloccheranno nuove attività, nuove armi da acquistare all’Ammu-nation e nuovi capi d’abbigliamento.
In ogni partita potranno partecipare massimo 16 giocatori. Con gli altri player potremo approcciarci in maniera diversa: collaborare per svolgere le missioni oppure ucciderci l’un l’altro. Non si sa mai con che gente avremo a che fare, per questo vi consigliamo di sfruttare i numerosi bancomat situati per la città per depositare il vostro denaro. Denaro che perderemo in parte se verremo uccisi dagli altri giocatori.

Ovviamente non potevano mancare le rapine, da affrontare da soli o in compagnia. Quindi indossate una maschera ed entrate in uno dei tanti locali (negozi di liquori, discount, etc) e puntate il ferro direttamente in faccia al negoziante che – preso dal panico – inizierà a riempire di soldi una busta di plastica. Per farlo accelerare (visto l'arrivo a momenti dei poliziotti) potremo o urlare tramite il nostro headset o – in mancanza di quest’ultimo – sparare vicino al negoziante che velocizzerà di gran lunga l’operazione. Una volta preso il denaro dovremo scappare dalla polizia. Se avremo effettuato il colpo insieme ad altre persone, una volta al sicuro dovremo dividere il bottino con gli altri o, perché no, scappare con le tasche piene di verdoni.
Ruolo importante anche nel multiplayer lo detiene lo smartphone. Tramite il nostro cellulare – infatti – potremo accettare le richieste degli altri giocatori, far partire le missioni, chiamare i nostri amici e visitare gli innumerevoli siti web presenti. Siti che permetteranno di comprare degli immobili (case e garage), veicoli ed armi.
Rockstar ha messo subito le carte in tavola per quanto riguarda la condotta da mantenere. Essendo un gioco basato sulla libertà totale, potremo fare qualsiasi cosa ci aggrada ma se condurremo una condotta anti-sportiva finiremo a giocare soltanto con altri anti-sportivi. Questo per non rovinare l’esperienza di gioco ai player più “buoni”.
Concludiamo la recensione parlando delle Crew. Le crew in GTA Online non sono altro che dei clan (con le varie gerarchie). Il tutto è gestibile sul Social Club Rockstar, dove potremo creare il logo della crew (da applicare su magliette o sui mezzi), accettare le richieste e smistare i vari membri.

Commento finale

GTA Online, nonostante i numerosi bug che ne hanno accompagnato l’uscita, promette tanto. Quello che offre è un vero e proprio GTA da condividere con altri giocatori. Un enorme ambiente completamente esplorabile e dalle innumerevoli cose da fare sia da soli che in compagnia.

Valerio Zavaglia

Nasco a Palermo ma subito dopo vengo trasferito nella città eterna, dove cresco tra libri, Tex Willer e videogiochi. Sin da piccolo coltivo le mie due passioni: Scrivere e videogiocare. Entrambe mi portano innumerevoli soddisfazioni; la prima mi permette di collaborare con alcune testate giornalistiche locali, la seconda mi permette di giocare a titoli che resteranno nel mio cuore. Da tempo riesco a far coincidere le mie due passioni, scrivendo per KingdomGame.it. Nella vita sono un Barman. Ultimamente ho avviato la mia "carriera" da scrittore, pubblicando il mio primo racconto "Xandernet".