Final Fantasy X/X-2 HD Remaster PS4 - Un sorprendente ritorno a Spira

Ho giocato, nuovamente, uno dei migliori RPG di sempre nella migliore versione di sempre

scritto da
Vota questo articolo
(3 Voti)
PS4
Ci incontriamo di nuovo, Yuna Ci incontriamo di nuovo, Yuna

Final Fantasy X. Quanti ricordi al solo pronunciare l’ultimo gioco di Square Soft.

“Dodici anni, ben dodici anni sono passati da quando l’ultima volta abbiamo messo le mani sulla fine del mondo minacciata da Sin. Da quando abbiamo imparato a fischiare insieme a Tidus, pianto con Yuna e sorriso con Wakka.”

Questo è quello che scrissi in apertura di articolo nella mia recensione di Final Fantasy X/X2 HD. Ora quei ricordi non sono poi così lontani, anzi, è passato solo un anno dall’ultima partita di Blitzball, dall’ultimo attacco di Sin, dall’ultima evocazione di Yuna.

Fino ad oggi, a pochi giorni dall’uscita della versione PS4 della Remaster. I ricordi sono ora freschi e nella miglior qualità possibile.

Il trasferimento dei salvataggi

Quando giocai la versione PS3 per la recensione, guidai Tidus e il suo gruppo fino al Tempio di Macalania. Il tempo necessario per esaminarne la conversione e le varie migliorie tecniche, lo abbandonai dopo circa venti ore di gioco sapendo già che, prima o poi, sarebbe uscita un ulteriore versione.

Final Fantasy X X2 HD Remaster PS4

Dopo tutto quel tempo speso su Spira, il trasferimento dei salvataggi da una console all’altra è una manna dal cielo. Basta andare nel menu di gioco della versione PS Vita o Playstation 3 e selezionare trasferimento dati. A questo punto i salvataggi sono in cloud ed è possibile traferirli anche sulla versione PS4.

In questo modo anche voi potete evitare di ricominciare da capo e ripartire da dove eravate rimasti.

 Vecchi dilemmi, vecchie strategie

La mia avventura era rimasta al momento in cui Yuna completa la prova dell’Intercessore, guadagnando così l’Eone del gelo: Shiva. La minaccia però è una soltanto: Seymour. Il maestro di Yevon non ha intenzione di farci uscire vivi, è subito tempo di una boss fight.

Anche se lo avevo già affrontato in passato, la sensazione è stata quella originale: come lo batto? Quali sono i suoi punti deboli? Quale strategia adottare? È incredibile come il titolo rimanga così profondo tutt’oggi, per il semplice fatto che i titoli moderni non sono così complessi. Non ci fanno porre mille domande su come affrontare il nemico che abbiamo davanti, ma anzi, ci fanno spegnere il cervello troppo spesso.

Ogni singola mossa in Final Fantasy X deve essere ben ponderata, agire in un modo piuttosto che in un altro potrebbe determinare il prossimo futuro. Faccio un salto indietro nel tempo quando devo ricordare gli elementi e le loro corrispettive debolezze. Carta e penna è la nostra migliore arma in questo caso, Seymour, sei morto.

Final Fantasy X X2 HD Remaster PS4 Ciò che ha di “vecchio” FFX e che personalmente non riesco a sopportare, sono le animazioni e le cut scene che non è possibile saltare. Magnifiche, assolutamente, fondamentali per capirne la trama, ma chi le ha già viste decine di volte magari vorrebbe semplicemente passare all’azione. Trovo inspiegabile come anche in questa ulteriore rimasterizzazione non sia stata inserita questa possibilità. Anche perché, spesso, prima di una boss fight, sono presenti filmati non proprio brevi.

Visivamente il titolo ha ciò che di buono già era stato fatto con la versione PS3, ma con un antialiasing migliore che rende la scena più pulita. Anche la palette, con colori già di per sé più accesi nel primo restyling, qui risulta ancora più “brillante”.

Insomma, per questa occasione abbiamo deciso di non scrivere una classica recensione con voto - per il semplice fatto che il gioco è praticamente identico - ma piuttosto di lasciare due mie impressioni personali su quello che, ancora, oggi, rimane il miglior Final Fantasy, e, perché no, uno dei migliori RPG di sempre. 

Il trailer di Final Fantasy X/X-2 HD Remaster PS4
Riccardo Rossi

Videogiocatore fin dall’infanzia, ancora innamorato di Final Fantasy X e dei Giochi di Ruolo a turni. Affascinato dagli emotional game in grado di trasmettere sensazioni al giocatore. Da amante dei Free Roaming e del post apocalittico lo si può ancora trovare disperso nella Zona Contaminata della Capitale intento a portare a termine l’ennesima partita a Fallout 3. Felice di chi porta innovazioni e nuove esperienze ludiche nel settore. La passione per i videogiochi ha incontrato quella della scrittura, da anni si diletta come redattore. L’esperienza con KingdomGame.it l’ha portato ad accamparsi fuori dagli uffici milanesi di distributori e publisher pronto per partecipare agli eventi stampa, dove è possibile trovarlo regolarmente pad e microfono alla mano.