Fallout 4 è ufficiale, l'annuncio è cominciato

Iniziamo il conto alla rovescia, è tempo di tornare nella zona contaminata.

scritto da
Vota questo articolo
(4 Voti)
Attendiamo. Attendiamo.

Fallout 4 è ufficiale. L’avevamo preannunciato, qualcuno ci ha creduto, altri erano scettici. Mancano 22 ore e 57 minuti, nel mentre sto scrivendo questo editoriale, a quello che, ormai è certo, essere l’annuncio del nuovo Fallout.

Difficile sbagliarsi questa volta, il countdown si trova su un sito secondario di Bethesda, con tanto di “fallout.bethsoft.com” nella barra degli indirizzi. Dopo le recenti notizie che vedevano lo studio di Guillermo Del Toro essersi occupato del trailer, ci viene difficile pensare ad un altro sito fake.

Bethesda stessa si è arresa, dopo tutti questi anni, dopo tutta questa attesa, dopo tutto l’hype generato, è finalmente pronta ad annunciare un nuovo mondo post apocalittico.

La cosa strana è il voler fare l’annuncio al di fuori della sua conferenza all’E3, sarebbe stato un momento unico, raro per la software house, come avevo spiegato nello scorso articolo. Il fare annunci importanti prima della fiera losangelina però, è una pratica che i publisher svolgono da un paio di anni, viene fatto in modo che ogni gioco abbia un suo spazio di visibilità, senza coprirne altri, o venirne nascosti.

Cosa vedremo domani? L’annuncio ufficiale o un teaser trailer che ci rimanderà all’E3? Quello che è sicuro è che Bethesda avrà molto da mostrare.

Per piacere, per piacere, non un MMO, non un MMO, non un MMO!

Riccardo Rossi

Videogiocatore fin dall’infanzia, ancora innamorato di Final Fantasy X e dei Giochi di Ruolo a turni. Affascinato dagli emotional game in grado di trasmettere sensazioni al giocatore. Da amante dei Free Roaming e del post apocalittico lo si può ancora trovare disperso nella Zona Contaminata della Capitale intento a portare a termine l’ennesima partita a Fallout 3. Felice di chi porta innovazioni e nuove esperienze ludiche nel settore. La passione per i videogiochi ha incontrato quella della scrittura, da anni si diletta come redattore. L’esperienza con KingdomGame.it l’ha portato ad accamparsi fuori dagli uffici milanesi di distributori e publisher pronto per partecipare agli eventi stampa, dove è possibile trovarlo regolarmente pad e microfono alla mano.