Fallout 4: Boston, Vault 111, Dogmeat e altre curiosità

La mia analisi del trailer di annuncio... oh, c'è Dogmeat, c'è un tizio che parla e si potranno modificare le armature... e Treccani?!

scritto da
Vota questo articolo
(7 Voti)
PC XONE PS4
Set the world on fire Set the world on fire

Un trailer lungo tre minuti per Fallout 4. Chi se lo aspettava? Così ricco poi, pieno di dettagli e chicche da scovare, i “Fallout fan” avranno già visto e rivisto ogni singolo frame per scoprire in anteprima cosa ci riserverà il nuovo mondo post apocalittico di Bethesda.

Nel mio ultimo editoriale, avevo messo la pulce nell’orecchio a molti di voi con questa chiusura: “Per piacere, per piacere, non un MMO, non un MMO, non un MMO!”. Stavate già prendendo i forconi per andare a trovare lo sviluppatore! E come darvi torto? È da tempo che si parla di un Fallout completamente online, ma, a quanto pare, non sarà così.

Oltre a scoprire tutti i dettagli in questa analisi scritta del trailer, vi invito a vedere il video realizzato in compagnia di Marino D’Angelo sul nostro canale, o direttamente in fondo a questo articolo!

Il trailer del quarto capitolo inizia come un trailer di Fallout dovrebbe iniziare: inquadratura fissa su di un particolare, che poi pian piano si allontana, accompagnato da una canzone anni ’40. Per quest’ultimo dettaglio ci pensano ancora i The Ink Spots - avete presente chi sono, no? I don’t Want to Set the World on Fire -. Ancora una volta, il primo piano di un dettaglio nasconde la cruda realtà: il mondo è stato devastato da una guerra nucleare.

Fallout 4 trailer analisi Dogmeat Vault 111 BostonQuella che era una casa accogliente abitata da dei genitori e il loro figlio, è ora niente di più che una baracca distrutta piena di ricordi. Dogmeat, chiamiamolo così il cane simbolo di Fallout, è protagonista per la maggior parte delle sequenze. La tranquillità viene interrotta da un allarme, lo stesso suono che la popolazione sentì poco prima dello scoppio della bomba.

Il percorso di Dogmeat ci permette di vedere la città pre e post-nucleare. La gente scappa, in cerca di un riparo, la direzione è unica, l’unico luogo conosciuto che potrebbe salvarli: un Vault. Ce ne viene svelato uno nuovo: il Vault 111.

Fallout 4 trailer analisi Dogmeat Vault 111 BostonNon sappiamo il motivo della sua esistenza, non sappiamo che tipo di test la Vault Tec esegua sui suoi abitanti. Quello che è certo è che, per noi, sarà quello principale.

Le successive carrellate ci offrono degli scorci di ciò che esploreremo in Fallout 4, tra gli altri, spicca il Monument Hill Bunker, che ci conferma il setting bostoniano.

Fallout 4 trailer analisi Dogmeat Vault 111 BostonA seguire ritroviamo dei cari e vecchi nemici: dagli infami Deathclaw passando per i Supermutanti, da un Protectron a quello che sembra una nuova specie di Headcrab.

Fallout 4 trailer analisi Dogmeat Vault 111 BostonGli ultimi istanti del trailer sono sicuramente quelli che mi hanno incuriosito di più. Dogmeat arriva ad un garage. Quando la telecamera stringe sulla Power Armor, sembra quasi voler intendere che quel luogo non è un posto qualunque abbandonato a se stesso. Infatti, guardando attorno l’armatura, si nota come tutti gli elementi siano in ordine. A sinistra troviamo la mitica booblehead del Vault Boy, in alto una segaossa, un’arma ad energia e dei componenti. Che sia un banco da lavoro dove poter migliorare le nostre armi?    Fallout 4 trailer analisi Dogmeat Vault 111 Boston

A destra, ben disposti, i fumetti che, almeno negli scorsi capitoli, permettevano di migliorare le nostre statistiche. Da notare poi una bacheca con la scritta “Vault Tec” e con all’interno, sembrerebbe, delle miniature. Che siano i nuovi collezionabili?

Insomma, una sorta di punto di ristoro dove potenziare le nostri armi e… armature?

Fallout 4 trailer analisi Dogmeat Vault 111 Boston

La conclusione è quella che ha fatto discutere un po’ tutti, il protagonista, il quale viene dal Vault 111, parla.

Devo ancora dire che adoro Fallout? Sono curioso di vederlo in azione! Bethesda, un bel gameplay per l’E3 lo avete preparato? 

Fallout 4: Boston, Vault 111, Dogmeat - Novità e curiosità!
Riccardo Rossi

Videogiocatore fin dall’infanzia, ancora innamorato di Final Fantasy X e dei Giochi di Ruolo a turni. Affascinato dagli emotional game in grado di trasmettere sensazioni al giocatore. Da amante dei Free Roaming e del post apocalittico lo si può ancora trovare disperso nella Zona Contaminata della Capitale intento a portare a termine l’ennesima partita a Fallout 3. Felice di chi porta innovazioni e nuove esperienze ludiche nel settore. La passione per i videogiochi ha incontrato quella della scrittura, da anni si diletta come redattore. L’esperienza con KingdomGame.it l’ha portato ad accamparsi fuori dagli uffici milanesi di distributori e publisher pronto per partecipare agli eventi stampa, dove è possibile trovarlo regolarmente pad e microfono alla mano.